sabato 14 marzo 2020

Monte Scale AM

Il Monte Scale è una fantastica montagna che domina la conca di Bormio, regala dalla cima panorami mozzafiato sui laghi di Cancano e sullo Stelvio. E' un itinerario estivo imperdibile se si possiede una buona tecnica di discesa. In salita bisognerà spingere ogni tanto ma arrivare in cima a una montagna con la propria bici è sempre qualcosa di indimenticabile.

Punto di partenza: Parcheggio della "pozza" lungo la strada per Premadio
Dislivello: 1500mt
Difficoltà: S3
Link per la traccia: https://itinerari.mtb-mag.com/tours/view/20441

Itinerario:
Abbandoniamo il parcheggio e seguiamo la SS301 in direzione Livigno fino a imboccare nei pressi di "Fior d"Alpe" la strada per le torri di Fraele e le dighe di Cancano. La salita è su asfalto ed'è molto piacevole e panoramica, un must per gli amanti della bici da corsa. Durante i mesi estivi inoltre è in parte chiusa al traffico garantendo una pedalata in totale pace e relax. Dopo esservi gustati la vista dalle Torri si imbocca la mulattiera militare che parte su pendenze sostenute ma sempre pedalabili (con i giusti rapporti) e in breve ci farà guadagnare quota. A circa 2100mt la mulattiera diventerà sentiero alternando tratti in traverso a ripidi strappi e passaggi attrezzati con catene (niente di difficile ma conviene essere abituati all'ambiente di montagna) quindi pian piano la pedalata lascerà il posto alla spinta per i prossimi 300d+. Dopo un ultimo strappetto si giunge a una galleria che ci farà attraversare la montagna e sbucare sul versante nord dove godremo della suggestiva vista sui laghi di Cancano e in breve, giungeremo alla croce di cima del Monte Scale.
La discesa si effettua tutta seguendo il sentiero lungo il versante nord, inizialmente roccioso con un paio di passaggi non semplici poi un roccione (da cui è necessario scendere con la bici in mano) da il via alla seconda parte di discesa molto molto flow, terreno battuto, radici, tornanti, una manna per i bikers. Giunti al laghetto delle Scale si segue il cartello verso dx con indicazioni Premadio/Ferrarola e dopo un paio di strappetti che ci faranno guadagnare 200d+ inizierà la seconda discesa di giornata. Qui è richesta un ottima tecnica e un ottimo controllo della bici, alcuni punti sono esposti ed'è meglio procedere a piedi se non ci si sente sicuri. Dopo aver superato alcuni canali il sentiero piegherà verso dx (non seguite il sentiero a sx) e diventerà molto più facile e scorrevole e vi porterà in picchiata al parcheggio.
Ps: il parcheggio della "Pozza" è così chiamato perchè vi è poco più avanti una pozza di acqua calda, consigliata per il dopobike.
Pss: la prima parte di discesa si svolge su un sentiero abbastanza frequentato quindi, durante i mesi estivi, occhio a non mollare troppo i freni, RESPECT!
In salita sulla mulattiera


la mulattiera lascia posto al sentiero


Ultimi strappi per la cima

e giù in picchiata verso i laghi di Cancano


Nessun commento:

Posta un commento